Archivi tag: biografia

Romano di nascita, europeo di adozione, Max Gazzè adolescente si trasferisce in Belgio, dove frequenta la Scuola europea, si dedica al basso elettrico e si esibisce con diversi gruppi nei locali di Bruxelles. Per cinque anni è bassista, arrangiatore e coautore dei “4 Play 4”, formazione inglese di Northern Soul. Con il gruppo si trasferisce, poi, nel Sud della Francia, dove lavora anche come produttore artistico per la casa di produzione americana “D.P.I” (Darius production inc.). Rientrato a Roma nel 1992, si dedica alla sperimentazione nel suo studio di registrazione, mentre compone colonne sonore ed inizia a collaborare con artisti come Alex Britti, Niccolò Fabi e Daniele Silvestri.

Tra il 1994 e il 1995 lavora alla realizzazione del primo album “CONTRO UN’ONDA DEL MARE”, che pubblica nel 1996 e presenta in versione acustica nel tour di Franco Battiato. L’album, che inaugura il sodalizio con la Virgin Records, si fa presto notare dalla critica. Nel 1997 esce il singolo “Cara Valentina”. Nel 1998 la sua “Vento d’estate”, cantata con Niccolò Fabi, vince “Un disco per l’estate”. I due singoli anticipano il secondo album, “LA FAVOLA DI ADAMO ED EVA”. Nel 1999 è in concorso al Festival di Sanremo con “Una musica può fare”. Nel 2000 pubblica il terzo album, “MAX GAZZÈ”. Il cantante-bassista-compositore ha perfezionato il suo stile, come appare chiaro dal primo singolo tratto dall’album, “Il timido ubriaco”, con il quale si presenta sul palco del Festival di Sanremo. Nel 2001 esce il quarto album “OGNUNO FA QUELLO CHE GLI PARE”, che presenta una varietà di soluzioni sonore frutto anche di numerose collaborazioni: le scopriamo nel country divertito de “Il debole fra i due”, cantato con Paola Turci, e ne “Il motore degli eventi”, duetto con Carmen Consoli, coproduttrice del pezzo. Gli anni tra il 2001 e il 2003 sono caratterizzati da un’intensa attività live. L’album “UN GIORNO”, contenente i singoli “Annina” e “La nostra vita nuova”, esce nel 2004. Nel 2005 esce per Emi Music la raccolta “MAX GAZZÈ – RADUNI 1995-2005”, contenente anche 4 inediti.

In seguito, nell’attività di Gazzè si segnalano ancora tante collaborazioni con l’amico Daniele Silvestri – per il quale suona in moltissime canzoni del suo disco “Il latitante” – e, dal luglio 2007, assieme alle colleghe cantautrici romane Paola Turci e Marina Rei, anche il tour “DI COMUNE ACCORDO”. Sempre nel 2007 la EMI pubblica un’altra raccolta: “THE BEST OF PLATINUM”. Nel 2008 partecipa al Festival di Sanremo con “Il solito sesso”, che riscuote ottimi consensi di critica e pubblico ed esce il nuovo album di inediti “TRA L’ARATRO E LA RADIO”.

I primi mesi del 2010 lo vedono debuttare come attore nella produzione cinematografica di Rocco Papaleo dal titolo “BASILICATA COAST TO COAST”. Per il film compone con Gimmi Santucci la canzone “Mentre dormi”, inclusa nella colonna sonora.

Nel 2010 cambia casa discografica, si unisce alla Universal e pubblica il nuovo aIbum di inediti ”QUINDI?”, che debutta nella Top Ten dei dischi più venduti in Italia. Il singolo “Mentre dormi” viene premiato come “Miglior canzone originale” ai David di Donatello 2011. Nel 2011 Max presenta al suo pubblico “L’UOMO SINFONICO”, il nuovo progetto con la “Filarmonica Arturo Toscanini” di Parma.

Nel 2013 partecipa al Festival di Sanremo con “Sotto casa” e “I tuoi maledettissimi impegni”, dall’album “SOTTO CASA”. Il disco esce su etichetta Virgin e contiene 10 brani inediti. A pochi mesi dall’uscita del singolo “Sotto casa”, ottiene la certificazione Digital Download d’Oro (fonte GFK/FIMI). Dopo Sanremo, parte subito con l’“EUROPEAN LIVE CLUB TOUR”, che da Berlino a Bologna, passando per Bruxelles, Londra, Parigi e Barcellona, registra il “sold out”. Fa lo stesso col “live” estivo, il “SOTTO CASA TOUR”, che fa tappa nei teatri delle principali città italiane, riscuotendo ovunque successi di pubblico e consensi di critica.

Nel 2014 si concretizza un progetto nato idealmente vent’anni prima: con gli amici Niccolò Fabi e Daniele Silvestri pubblica l’album di inediti “Il padrone della Festa” (Universal Music/Sony Music) (disco di platino a pochi giorni dall’uscita) e parte in trio per un tour europeo sold out; tornati in Italia, i tre partono per un nuovo tour nei palasport, che registra anch’esso il tutto esaurito. Nell’aprile 2015 esce “Il padrone della festa – live“(Universal Music/Sony Music), un cofanetto (2 cd + 2 dvd)  contenente materiali esclusivi e inediti: il racconto in musica e immagini di un anno particolarmente intenso, un lungo percorso nato con un viaggio in Africa e che con le undici date europee e i quattordici concerti nei palasport ha portato i tre artisti a vivere innumerevoli esperienze, grandi e piccole.

Nel 2015 torna solista, e annuncia il nuovo album “MAXIMILIAN” (Universal Music), in uscita il 30 ottobre. L’Lp è stato anticipato dal singolo “La vita com’è”, a pochi giorni dall’uscita, già ai vertici delle classifiche dei singoli.

Il percorso artistico di  DOLCENERA si apre ufficialmente nel 2003 con la vittoria alla 53a edizione del Festival di Sanremo con il brano “Siamo tutti là fuori“, aggiudicandosi anche il premio assegnato dalla Sala Stampa, Radio e Tv. Il brano sarà poi contenuto nel suo primo album “Sorriso Nucleare” pubblicato nello stesso anno.

Nel 2005 partecipa e vince la trasmissione musicale “Music Farm” (Raidue) con il brano “Mai più noi due” che verrà inserito nel suo secondo album “Un Mondo Perfetto” (disco di platino che rimarrà in classifica per un anno) a cui seguirà una “Special Edition” dell’album “Un Mondo Perfetto“e diversi riconoscimenti tra cui il Premio De Andrè, il premio come “Miglior artista emergente” al M.E.I. e il Leone d’argento come “Rivelazione musicale dell’anno“.

Nel 2006 DOLCENERA decide di partecipare nuovamente al Festival di Sanremo dove presenta il brano “Com’è straordinaria la vita” a cui segue la pubblicazione del suo terzo album, “Il popolo dei Sogni“, album che in una settimana ottiene il disco d’oro e successivamente il disco di platino. L’anno prosegue tra premi (“The best voice” ai “Venice Music Awards“) concerti, la pubblicazione in Germania, Austria e Svizzera del suo album “Un mondo Perfetto” e, dal successo che scaturisce da un tour di oltre due mesi nelle principali città tedesche, la pubblicazione, nel 2007, della nuova edizione dell’album tedesco “Un Mondo Perfetto – Tour Edition“, con diverse versioni live ed un ulteriore Tour nei palazzetti.

Con la partecipazione al  Festival di Sanremo del 2009 con il brano “Il mio amore unico“,  DOLCENERA pubblica l’album “Dolcenera nel paese delle meraviglie“. Il brano debutta al primo posto nelle vendite e nell’airplay radiofonico e per più di tre mesi rimane nella Top 20 della classifica dei brani più trasmessi dalle radio, oltre ad essere premiato dalla commissione del Premio Lunezia per il valor letteral-musicale. “Il mio amore unico” riceve consensi anche all’estero: viene trasmesso infatti sia dalle radio inglesi (nella versione remix), sia in Sud America nel riadattamento spagnolo dal titolo “Único” interpretato da Alejandra Guzman che si aggiudica il disco di Platino.

Nel 2011, il nuovo album “Evoluzione della specie”, scritto e arrangiato dalla stessa  DOLCENERA, rappresenta una serie di successi ed hit radiofoniche:  “Il Sole di domenica”, che diventa una delle più importanti hit dell’estate 2011;  “L’amore è un gioco”, che per settimane non si allontana mai dalla Top 10 dei brani più suonati dalle radio italiane; e una collaborazione di respiro internazionale, un duetto sulle note della hit “Read all about it (Tutto quello che devi sapere)” con il rapper inglese  Professor Green che ottiene il digital download d’oro. Il tour estivocontinua anche in autunno con il tour “Evoluzione della specie”, nei più importanti teatri italiani.

Il 2012 si apre all’insegna del Festival di Sanremo. Dolcenera è, infatti, tra i big protagonisti della 62° edizione, aggiudicandosi la finalissima della serata finale con la canzone di grande successo “Ci vediamo a casache è il brano italiano più trasmesso dalle radio italiane per più di due mesi, ottiene il digital download d’oro in 4 settimane per poi aggiudicarsi il disco di platino. Il videoclip di Ci vediamo a casa è il più trasmesso dalle TV, supera i 3 milioni di views in poche settimane. A maggio arriva un’altra hit di successo, “Un sogno di libertà” che resta nella top 20 dei brani più trasmessi dalle radio per più di due mesi e che rafforza ulteriormente il “CI VEDIAMO IN TOUR” – 2012, che, ripartito ad aprile nei più importanti Club italiani, prosegue in estate, in tutta Italia, con un fitto calendario di date live, per poi fare ritorno, in inverno, nei Teatri.

Nel 2013 Manu Dolcenera scrive e realizza gli arrangiamenti per batteria, basso, chitarra, fiati e archi e suona il pianoforte e i synth, raccontando sui social network, con l’hashtag #astronavemusica, tutta l’avventura del progetto discografico, di cui è il produttore artistico: dalla scrittura alla pre-produzione in casa dei brani con la ricerca dei suoni, dall’esecuzione con i musicisti alla registrazione degli strumenti in studio.

Il 23 maggio 2014, direttamente dall’ #astronavemusica arriva in radio e nei digital stores il nuovo singolo “Niente al mondo”, scritto, arrangiato e prodotto da Dolcenera che firma interamente la  produzione artistica del nuovo album, la cui uscita è prevista per il 2015. “Niente al mondo” è la hit dell’estate 2014, vince una delle quattro puntate del CocaCola Summer Festival  in onda su Canale 5 e diventa, tra gli artisti femminili, il brano più trasmesso dalle radio italiane dell’intero anno. Sulla scia del successo di “Niente al Mondo, il 26 settembre 2014 arriva in radio “Accendi lo Spirito” caratterizzato dalla contaminazione di melodie bluesy e melodie della tradizione musicale italiana, con l’arrangiamento dei synth in stile clubbing. Dolcenera continua a scrivere nuove canzoni e chiude l’anno partecipando al Concerto di Natale di RAI2, con l’esibizione di “Niente al mondo” piano, voce ed orchestra e con i duetti con Patti Smith e il Coro Gospel Usa di Lord Bratton.

Nel 2015, Dolcenera lavora agli arrangiamenti delle canzoni per la produzione artistica di un nuovo progetto discografico che vede la luce il5 giugno 2015 con la radio date del brano “Fantastica”, che anticipa il nuovo album in uscita a Settembre. “Fantastica” è pubblicato in digitale in formato  MaxiSingolo, oltre alla versione originale anche una versione  acustica ed una remix, produzioni a firma Dolcenera. 
Fantastica” è un brano che contamina gli strumenti classici con i suoni dei synth, calati, seppur nella forma “canzone”, in una struttura dance. La paura, rappresentata con la metafora della scintillazione delle stelle, l’apparente tremolio della luce delle stelle dovuto all’attraversamento dell’atmosfera, è superata dal solo pensiero d’amore per una persona e per il suo insegnamento a prendere la vita con un sorriso. Un pensiero che, nella sua semplicità, può ridare vigore e, nella magia dell’amore, può rendere ogni cosa Fantastica, mai scontata, ma unica e irripetibile.

RAF, Raffaele Riefoli, nasce a Margherita di Savoia (Fg) il 29 settembre 1959.

1984 – Incide con Carrere la più importante etichetta francese il suo primo singolo, SELF CONTROL, un brano dance che raggiunge il primo posto nelle classifiche di tutto il mondo, Stati Uniti compresi, dove la versione di Laura Branigan arriva al n°1 della hit parade di Billboard. Alla fine dell’anno esce il primo album intitolato RAF. Oltre a SELF CONTROL, ci sono altri due singoli di successo CHANGE YOUR MIND e HARD.

1987 – Scrive per il trio Morandi-Ruggeri-Tozzi SI PUO’ DARE DI PIU’, la canzone che vince Sanremo. In coppia con Umberto Tozzi scrive ed interpreta GENTE DI MARE, un hit in tutta Europa. Esce in questo periodo LONDON TOWN, un singolo che è una celebrazione per la città a lui molto cara.

1988 – Sanremo. INEVITABILE FOLLIA. L’album da cui è tratta, SVEGLIARSI UN ANNO FA, fotografa un musicista “sui generis” che ha scoperto la tradizione della canzone d’autore italiana ma al tempo stesso è attentissimo alle sonorità più attuali e sofisticate. Di nuovo nei Top 10, d’ora in poi sarà sempre così.

1989 – Di nuovo a Sanremo. Raf ha già pronto un nuovo album di successo, COSA RESTERA’ DEGLI ANNI OTTANTA. La canzone che da il titolo all’album conquista ancora una volta il grande pubblico. Agosto 1989, TI PRETENDO è l’hit dell’estate, come dimostra la vittoria al Festivalbar.

1991 – Raf conquista prima l’hit parade con INTERMINATAMENTE, poi impressiona a Sanremo con una suggestiva ballata, OGGI UN DIO NON HO. Infine, SIAMO SOLI NELL’ IMMENSO VUOTO CHE C’È. Tre successi diversissimi tra loro, ma non gli unici dell’album SOGNI… È TUTTO QUELLO CHE C’È.

1993 – CANNIBALI, 6 volte disco di platino. Un album ricco di canzoni di successo (IL BATTITO ANIMALE, DUE, STAI CON ME) ma con in più un’attenzione particolare all’attualità che mette in risalto l’inquietudine che caratterizza un mondo contraddittorio e un momento storico travagliatissimo.

1995 – Raf incide MANIFESTO, un disco che segna un passo avanti dal punto di vista musicale ed artistico, ed in questa occasione realizza una novità assoluta non solo per l’Italia: senza nessun aumento sul costo di copertina del disco regala al pubblico il CD rom INTERAGENDO, supporto attraverso cui il pubblico ha la possibilità di approfondire la propria conoscenza sull’artista. Raf inoltre apre il suo sito su Internet: www.raf.it, anticipando di molto la realtà odierna.

1996 – COLLEZIONE TEMPORANEA è il titolo del primo Best-of di Raf, il disco comprende 16 grandi successi ricantati, risuonati, riarrangiati e rimasterizzati. Nell’album è presente l’inedito UN GRANDE SALTO, una dolce ballata che racchiude una personale riflessione sul senso della vita.

1998 – LA PROVA è un album di esplorazione e collaborazione con la sua band, il suono è più graffiante con un’evoluzione verso il rock pur mantenendo strutture e melodie pop. Un interessante, nuovo sviluppo per Raf e un’affascinante fusione tra pop-rock italiano moderno e  innovativo.

2001 – Dopo un intervallo segnato da un’esperienza personale importante come una nuova paternità, Raf si ripresenta con il nuovo album IPERBOLE . È un album di grande successo sia in termini di vendite che di popolarità manifestatasi in un tour “tutto esaurito”. Riceve al MEI (meeting delle Etichette indipendenti) un premio alla regia per il Videoclip di Infinito (da lui pensato e girato)

2002 – Partecipa al Pavarotti & Friends. Subito dopo è tra gli ospiti musicali de “IL SALE DELLA TERRA” grande manifestazione popolare in Piazza San Pietro al cospetto di Papa Giovanni Paolo II. In questa occasione fa sua la preghiera degli abitanti di Cesano chiedendo al Papa un’alternativa alle antenne di Radio Vaticana così cariche di sospetta pericolosità per le popolazioni dell’area in cui si trovano. A Isola delle Femmine (PA) riceve dalle mani del Procuratore Nazionale antimafia Piero Grasso il premio Mariposa per la canzone ASSOLTI contro le mafie e l’impunità dei potenti.

2003 – È testimonial di LEGAMBIENTE e si dedica ad alcune iniziative mirate quali “Salviamo il ondo” e un progetto per portare acqua in orti scolastici dell’Ecuador.

2004 – A 20 anni da SELF CONTROL esce l’album OUCH e contemporaneamente Mondadori pubblica COSA RESTERA’… scritto a 4 mani da Raf con Domenico Liggeri.

2005 – Il 28 ottobre esce LIVE, DVD della performance live di Raf del 16 maggio 1991 al Palatrussardi di Milano. Esce contemporaneamente anche TUTTO RAF, 32 brani del repertorio dell’artista che vanno dal 1983 ad oggi.

2006 – Il 26 maggio esce il nuovo album “Passeggeri distratti”, il primo per SonyBmg,  con nove brani inediti di cui “Dimentica” arriva al n. 1 della classifica della programmazione radiofonica.

2008 – Il 26 settembre viene pubblicato l’album “Metamorfosi” che contiene nove brani inediti, scritti e arrangiati con gusto musicale straordinario. Il primo singolo “Ossigeno” così come altri brani in precedenza raggiungerà la vetta della classifica radiofonica.

2009 – Il 30 ottobre esce “Soundview” un cofanetto che contiene il primo cd + dvd live della sua carriera, registrato durante il “Metamorfosi Tour”,  a coronamento di venticinque anni di successi.

2011 – Dal 14 aprile è in radio “Un’emozione inaspettata” il singolo che ha anticipato il nuovo album “Numeri” pubblicato il 10 maggio, subito ai primissimi posti dell’earplay radiofonico. L’album raggiunge immediatamente il primo posto nella classifica degli album più scaricati da iTunes e i primi posti di vendite dei cd.
Altri due singoli verranno estratti dall’album: “Senza Cielo” e “Controsenso”.
Da luglio Raf è in tournée con la sua Band per la prima parte del “Numeri Tour 2011” nelle piazze e nelle arene. Il “Numeri Tour Teatri 2011” partito da Milano con due date al Teatro degli Arcimboldi a fine ottobre, si è concluso con  due concerti al Gran Teatro di Roma il 9 e il 10 dicembre.

 

2012 –  Il 9 ottobre esce “Le ragioni del cuore” il nuovo progetto: una selezione dei più grandi successi del cantautore risuonati, ricantati e riarrangiati in chiave elettro-pop più due brani inediti, “Le ragioni del cuore” e “In questa notte”.
Contemporaneamente è in partenza con un nuovo Tour affiancato da una rinnovata formazione musicale.

Alan

Alan Tsarikaev è un giovane cantante di Vladikavkaz, importante città della Federazione Russa. Fin da giovane canta nei locali della sua regione e frequenta la facoltà di Storia dell’Arte all’Università nella città di Nalcik.

Nel 2010 registra il suo primo cd intitolato “Metel” e gira nel 2011 a Mosca il video del primo singolo, con la regia di  Soslan Makiyev, attore  e regista molto famoso in Russia.

Nel 2012, a Vladikavkaz, Alan ha un incontro fortuito con Cosimo Vindice, persona che diventa presto molto importante nella sua vita, tanto da portarlo nel 2013 a trasferirsi a Firenze, in Toscana (Italia), e ad iniziare qui un nuovo percorso di canto che lo indirizzerà ad un genere musicale pop italiano.

Cosimo Vindice diventa così il suo nuovo produttore e coinvolge da subito Giuseppe Tinti – personal manager di Umberto Tozzi, collaboratore di Pupo e di molti altri artisti di caratura internazionale.

A Giuseppe Tinti viene affidata la produzione artistica di Alan per la realizzazione del nuovo album, che vanta prestigiosi ospiti internazionali, avvalendosi di importanti collaborazioni, come quella di Raffaele Chiatto – compositore, arrangiatore e chitarrista di Umberto Tozzi e Adriano Celentano – e Simone Papi – musicista e arrangiatore di molti successi di Raf , Marco Masini, Alessandra Amoroso

“Gloria” è il primo singolo, che anticipa l’uscita dell’album, interpretata da Alan con Umberto Tozzi: una versione inedita dell’hit, cantata per la prima volta in italiano e russo.

 

www.alanmusic.com

Dellera

DELLERA, è autore, cantante e polistrumentista. Inglese d’adozione, respira per oltre 10 anni la scena musicale inglese ed internazionale. Ritornato in Italia nel 2006 diventa membro degli Afterhours con i quali realizza tre Tour americani, compone e registra l’album “I Milanesi ammazzano il Sabato” e vince al Festival di Sanremo il premio della critica nel 2008.

Si distingue come protagonista di collaborazioni con artisti tra i quali Dente, Il Genio e Calibro 35 con i quali registra una rivisitazione de”l’Appuntamento” di Ornella Vanoni ed singolo “Il Beat Cos’è” che per 5 settimane si posiziona al N° 1 della Indie Musik Like e per 5 mesi nella top five diventando il terzo singolo del 2010 per la Indie Musik Like.

A settembre 2010, dopo un bellissimo concerto al MArteLive Festival, l’incontro con Giuseppe Casa e pochi mesi dopo la firma di un contratto di management con l’omonima etichetta discografica MArteLabel, con cui nell’ottobre nell’ottobre del 2011 pubblica l’album “Colonna Sonora Originale” ricevendo un successo di critica al di la di ogni aspettativa. “Il motivo di Sima”, primo singolo dell’album entra in programmazione sulle principali radio italiane posizionandosi per oltre tre mesi nella Top Ten della Indie Musik Like salendo fino al 3° posto.

Nel mese di gennaio 2012 “Il Tema di Tim & Tom” è scelto per aprire il video della sfilata Men FW 2012/2013 di Ermenegildo Zegna e, per la prima volta viene offerto il palcoscenico internazionale dell’alta moda alla musica di un’artista indie italiano.

Nel mese di marzo DELLERA registra “Effetto Notte” un film studio Live dell’album al quale prendono parte il meglio dello scenario Indie italiano con artisti quali: Giovanni Gulino (Marta sui Tubi), Diego Mancino, Dente, Calibro35, Rodrigo d’Erasmo, Enzo Moretto (A Toys Orchestra), Gianluca de Rubertis (Il Genio).

Nel mese di aprile 2012 DELLERA, insieme agli Afterhours pubblica il nuovo disco “Padania”. Nel mese di maggio 2012 DELLERA si aggiudica il Premio Miglior Voce 2012 KeepOn. Il premio è stato assegnato dai direttori artistici dei Live Club del circuito KeepOn.

Sempre nel mese di maggio 2012 esce il secondo singolo “Le Parole” che immediatamente entra nella Top Ten della Indie Music Like per oltre due mesi. DELLERA risulta il 4° artista più programmato della Indie Musik Like per l’anno 2011/2012.

Nel mese di settembre 2012 “Colonna Sonora Originale“ viene votato dalla giuria del Premio Tenco come finalista per la migliore opera prima dell’anno.

A settembre 2014 esce il primo singolo “OGNI COSA UNA VOLTA” che anticipa il secondo album da solista; il brano, contenuto nella colonna sonora del nuovo film di Pierfrancesco Favino, “Senza nessuna Pietà”, viene presentato al Festival di Venezia. “OGNI COSA UNA VOLTA” è accompagnato da un video che viene presentato in esclusiva su Repubblica.it e riscuote molto successo.

Ad ottobre l’artista viene ospitato per un live acustico nel programma di Radio Rai di Serena Dandini “Stai Serena” dove presenta il singolo in acustico.

Il 19 dicembre esce il singolo e title track che anticipa l’album in uscita a gennaio, “STARE BENE E’ PERICOLOSO” che entra subito in air play ed è in programmazione su Radio1, Radio2, Isoradio, Radio Marte, Capodistria, Radio In Blu, Radio Lombardia.

Il 15 Gennaio 2015 esce in tutti gli store digitali “Stare bene è pericoloso” , il disco viene presentato nelle trasmissioni Radio Rai “King Kong” (Silvia Boschero), Rock Roll Circus (Pier Ferrantini- Carolina Di Domenico), Isoradio, Rai News 24, Radio1 (Carlotta Tedeschi).

Nel mese di Febbraio Torna a ricoprire il ruolo di Bassista nel tour Teatrale degli Afterhours. Il 6 Aprile inizia “Stare bene è pericoloso Tour” partendo dalla Città di Taranto.

 

Enzo Gragnaniello

Enzo Gragnaniello nasce a Napoli a vico Cerriglio, il vicolo più stretto di tutta Napoli. Passa l’adolescenza tra i vicoli del quartiere Porto, facendo fin da piccolo i più svariati lavori: garzone di pasticceria, ragazzo del bar, “attrazione vivente” di una bancarella di blue jeans.

Compone le prime canzoni a 18 anni. Sono canzoni d’amore e di rabbia, ma ciò che non manca mai, anche nelle storie più disperate, è la speranza e la personalissima interpretazione. Allo scopo di avvicinarsi, sia pure con le dovute differenze, alla riscoperta delle radici popolari della musica e della canzone napoletana, nel 1977 forma il gruppo “Banchi Nuovi”, nome legato a una delle realtà più dure che Napoli ha sempre vissuto: la disoccupazione. Banchi Nuovi è infatti il nome del comitato dei Disoccupati Organizzati di cui Enzo faceva parte.

Pubblica i suoi primi album nel 1983 (“Enzo Gragnaniello”) e nel 1985 (“Salita Trinità degli Spagnoli”) il cui titolo si ispira al nome della via dei Quartieri Spagnoli di Napoli dove Enzo tuttora vive.

Il personalissimo percorso musicale di Gragnaniello trova dei punti d’arrivo in altri quattro album. Due cantati nella lingua partenopea (“Fujente” del 1990 e “Veleno, mare e Ammore” del 1991) e i successivi “Un mondo che non c’è” (1993) e “Cercando il sole” (1994) confermano Gragnaniello come eccellente autore di canzoni scritte in italiano.

Fiore all’occhiello nella sua carriera artistica è il riconoscimento che gli viene attribuito per ben tre volte con il “Premio Tenco” per la migliore canzone dialettale.

Numerose sono le sue collaborazioni con altri artisti come autore: per Mia Martini scrive le straordinarie “Stringi di più” e “Donna”.

Nel 1991 rilancia la canzone napoletana moderna con il brano “Cu’mmè”, che interpreta con la stessa Mia Martini e Roberto Murolo, e che raggiunge una tale popolarità da essere tradotto in otto lingue (tuttora tra le canzoni italiane più conosciute in Spagna, Grecia e Brasile) e, nel 1994, viene scelto come colonna sonora per lo spot televisivo del G7 che si tiene a Napoli in quell’anno.

Nel settembre 1998 inizia una nuova avventura per Gragnaniello che, con la Sugar, pubblica un album interamente strumentale in cui convergono i suoni sacri e rituali della musica etnica, dal titolo “Neapolis mantra”, ottimamente accolto dalla critica e impreziosito da una speciale versione remix di un brano a cura di Bill Laswell.

Nel 1999 Enzo è stato tra i più acclamati big in gara al 49° Festival di Sanremo con la canzone “Alberi” interpretata con la straordinaria partecipazione di Ornella Vanoni, e contenuta nel nuovo lavoro “Oltre gli alberi”, che otterrà la terza TARGA TENCO come miglior disco.

L’attività di Gragnaniello compositore si è poi arricchita con la splendida “O mare e tu”, l’emozionante canzone scritta da Enzo per Andrea Bocelli che interpreta insieme a Dulce Pontes nell’album “Sogno”.

Altro grande traguardo di Enzo sono i concerti tenuti al Teatro San Carlo di Napoli, che, per la prima volta, apre le porte ad un cantante pop, e da cui traggono spunto gli autori Michel Pergolani e Renato Marengo per pubblicare il libro-cd a lui dedicato “Dai Quartieri al San Carlo” (RAI-ERI).

Nel 2001 Enzo pubblica “Balia” (Multivision Entertainment/Epic-Sony Music) presentato in tournèe in tutta Italia e all’estero.

Nel 2003, dalla collaborazione di Enzo e James Senese nasce il disco “Tribù e Passione”, con cui i due artisti si immergono nelle radici della canzone classica napoletana per riscoprire la vera forza, l’essenza e, appunto, la passione dei classici napoletani. Con il disco l’omonima tournèe, apprezzatissima anche all’estero.

Nell’estate del 2003 Enzo scrive “Cosa vuoi di più” (A.Guida Editore), un simpatico libricino che racchiude un insieme di riflessioni silenziose e di pensieri in libertà, piccoli disegni e poche parole per esprimere grandi sensazioni ed emozioni.

“Quanto mi Costa” è il  disco successivo  di Enzo, che per le sonorità può essere definito “world” ma che, comunque, non rinuncia al sentimento e all’originalità propria dell’artista. Un percorso creativo che, dopo qualche anno, lo porta alla pubblicazione de “L’erba cattiva”, un album decisamente maturo, concepito per entrare in contatto con la sfera più intima dell’ascoltatore, undici canzoni che non sono altro che undici messaggi per un unico destinatario: l’anima e la dignità di ogni essere umano.

Nel 2011 viene pubblicato“Radice”, molto apprezzato sia in Italia che all’estero.

19 maggio 2015: esce il nuovo album “Misteriosamente”.