Gli Urock nascono da un idea di Umberto Sulpasso, cittadino americano di Los Angeles, con padre italiano, gr ande sostenitore della campagna a favore di Obama. Nel 1998 frequent ando l’Italia, dopo un provino, viene chiamato a far la parte principale nel famoso musical “Jesus Christ Super Star”, ed “Hair”.

A Roma incontra Cristian Murasecchi (guitar) anche lui americano trasferitosi in Italia per studio e Giuseppe Mangiaracina (bass), con altri musicisti (Riccardo Macri, Vieri Baiocchi e Cristian Buccioli) formano il “nocciolo musicale” della b and. Iniziano a girare per i club americani, inglesi e qualche centro sociale italiano e svizzero.

Notati tramite internet da Jack Endino (Nirvana, Soundgarden), iniziano a collaborare presso il “Soundhouse” di Seattle, il regno dei Nirvana, per le registrazioni e il missaggio dell’album omonimo di debutto UROCK. L’esperienza è forte, formativa a tal punto che la b and non si ferma e non pubblica le 9 tracce finite con Jack ma continua a scrivere in inglese, ed ecco che un giorno, per caso, vengono inviati i provini di “Saint louis” e “The flight” a mister Alan Parsons, che, dopo alche settimana, fa chiamare la b and dal manager per invitarli nel suo studio a lavorare alle due canzoni.
Anche Pj Olsson, il cantante degli Alan Parsons Project inizia a lavorare per gli “Urock”.

Arriva anche la collaborazione con il poeta cantore romano Remo Remotti, sincero cantore della romanitĂ , che esprime tutta la sua rabbia nel monologo contenuto all’interno de “La societĂ  dei magnaccioni”, rivisitata in chiave punk da mister Jack Endino.