top

menu

A Castel Sant’Angelo, per “Sere d’Arte, I Bambini e ArtCity” va in scena “Rana Rana!” (24/8)

152

Comunicati


Pubblicato il 23 Agosto 2019

SERE D’ARTE
I BAMBINI e ARTCITY 

A Castel Sant’Angelo le più belle antiche fiabe della tradizione con

“Rana Rana!”

Sabato 24 agosto ore 20.00 – Cortile Alessandro VI

Ispirato alla celebre raccolta delle Fiabe Italiane di Italo Calvino

 

Sabato 24 agosto (Cortile Alessandro VI, ore 20.00) al Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo va in scena “Rana Rana!” quinto appuntamento con la rassegna dedicata ai bambini nell’ambito di Art City 2019, realizzato dal Polo Museale del Lazio diretto da Edith Gabrielli.

Come farsi amare da una rana? Cosa succede se insieme alle pere si raccoglie una bambina? Perché è meglio, a volte, non schiacciare una biscia e starla invece ad ascoltare? Come fu che un famoso ladro sposò la figlia di un re?

Le più belle e antiche fiabe della tradizione italiana vanno in scena accompagnate dalla magia della musica e del canto, con la fisarmonica di Pietro Ariotti e il clarino di Stanislav Kotovski. Ispirato alla celebre raccolta delle Fiabe Italiane di Italo Calvino, “Rana Rana!” è uno spettacolo per tutti che racconta del tempo che fu con un fascino contemporaneo. Nel racconto di Ombretta Zaglio, prodotto dal Teatro del Rimbalzo, rivivono i gesti e la voce dei protagonisti di un mondo fantastico e prosaico, re dubbiosi e villici astuti, animali parlanti e tesori nascosti.

Nel 1956 Italo Calvino raccoglieva per la prima volta nelle Fiabe Italiane il patrimonio perduto delle tradizioni popolari, unificando dialetti e stili di narrazione in un libro esemplare che è tuttora punto di riferimento. Da questo tesoro collettivo di remote narrazioni Ombretta Zaglio ha scelto alcune fiabe di ambientazione monferrina, La bambina venduta con le pere, La biscia, Il principe che sposò una rana, i 12 buoi, Cric e Croc, per mettere in scena un racconto che attraverso la voce, la gestualità, la musica, il canto, fa rivivere un immaginario contadino al di là delle connotazioni geografiche. Un mondo insieme prosaico e fantastico dove re e villici possono ugualmente essere visitati e consigliati da animali parlanti più saggi di loro, a testimonianza di un rapporto ancora intatto tra uomo e natura in cui il sogno si confonde con la vita. Sono racconti arcaici, saggi e ingenui, dove convivono il buon senso contadino e il senso del magico ancestrale, che diventano nelle parole del loro grande divulgatore, Italo Calvino: “una spiegazione generale della vita, nata in tempi remoti e serbata nel lento ruminio delle coscienze”

I Bambini e Artcity è un progetto curato da Casa dello Spettatore dedicato ai bambini dai 3 ai 10 anni e alle loro famiglie che propone una modalità innovativa per vivere il patrimonio storico, artistico e architettonico del Polo Museale del Lazio attraverso l’incontro con le arti sceniche. Sette modi diversi per visitare e conoscere il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo e sette spettacoli indirizzati alle nuove generazioni. Un viaggio ludico-educativo che accompagnerà gli spettatori-visitatori in un’esperienza complessiva dello sguardo mettendo in dialogo museo e teatro. Ogni appuntamento prevede due percorsi di visita mirati in contemporanea: uno pensato per i bambini e uno dedicato agli adulti che li accompagnano, e un’attività di didattica della visione sugli spettacoli. Al termine, i due gruppi si ritroveranno nella suggestiva cornice del cortile Alessandro VI per assistere agli spettacoli.

RANA RANA!

Sabato 24 agosto

Cortile Alessandro VI

Inizio visita Castello ore 18.00 (costo biglietto euro 2,00)
Inizio spettacolo ore 20.00 (costo biglietto euro 7,50)

Informazioni e prenotazioni: +39 333 4954424

info@casadellospettatore.itwww.casadellospettatore.it

# # # #


twitter